Addio a Leggeri, tra i più grandi ingegneri e sismologi italiani

Addio a Leggeri, tra i più grandi ingegneri e sismologi italiani

Maurizio Leggeri assunse anche l’incarico di direttore tecnico di Geocart

“Il team del Gruppo Geocart, nel giorno della scomparsa del suo direttore tecnico, l’ingegnere Maurizio Leggeri, ricorda il grande professionista e prima ancora l’amico con cui ha realizzato ambiziosi progetti per oltre 15 anni. È stato entusiasmante lavorare sotto la guida di uno dei più grandi sismologi ed ingegneri italiani. Ieri, 13 aprile 2018 è venuto a mancare un grande uomo che con la sua semplicità, la sua voglia di condividere esperienze e competenze, la gioia di vivere il lavoro come una continua sfida da affrontare in gruppo, ha insegnato a molti tecnici e professionisti il senso di responsabilità e l’importanza del ruolo che appartengono alla figura dell’ingegnere”. E’ quanto si legge nella nota diffusa dall’ufficio stampa di Geocart in cui si evidenzia che: “Quando nel 2000, Maurizio Leggeri assume l’incarico di direttore tecnico di Geocart è già uno dei maggiori esperti di ingegneria sismica a livello internazionale e cofondatore di quello che oggi è il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.

Tra i fondatori del CGIAM, Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo, ne riveste il ruolo di Presidente dal 1988 al 2012 e successivamente quello di Presidente Onorario. Dopo la laurea in Ingegneria Civile conseguita nel 1957, si è specializzato in Costruzioni in acciaio, Geotecnica e fondazioni, Analisi sismica e Dinamica delle Strutture. L’altissimo livello della sua competenza tecnica e scientifica lo hanno portato ad insegnare in diverse università italiane ed internazionali tra cui l’Università della California di Berkeley e l’Università del Missouri. Maurizio Leggeri ha progettato, in collaborazione con l’INGV Istituto Nazionale di Geofisica, la prima rete sismometrica della Regione Basilicata, ricoprendo tra il 1994 e il 1995 il ruolo di Presidente del Comitato Provinciale di Protezione Civile e la carica di Assessore esterno della Provincia di Potenza, con delega all’Urbanistica, Assetto del Territorio, Difesa del Suolo e Protezione Civile.

L’ingegnere ha insegnato a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarlo come persona e come professionista l’amore per la conoscenza e il coraggio di superare gli ostacoli. Ha trasmesso un principio che in molti hanno fatto proprio: bisogna studiare l’ambiente in tutte le sue componenti per migliorare la vita delle persone. Maurizio Leggeri – conclude la nota – lascia un’eredità straordinaria e la sua scomparsa crea un vuoto in chi ne ha potuto apprezzare la forza intellettuale, il valore scientifico, l’amore per la libertà e la tensione morale”.