Ciao Ettore, portiere rossoblù

Ciao Ettore, portiere rossoblù

Il ricordo di Giovanni Benedetto

Un malore improvviso ha spento la vita di Ettore Benedetto, noto a Potenza per il suo passato calcistico.
Ha esordito nelle giovanili del Potenza, fino a sedere a 18 anni sulla panchina del Potenza, come dodicesimo nell’ultimo campionato di serie B dei rossoblu.
Ha continuato la sua carriera ininterrottamente in serie D sempre da titolare nel Venosa, Lavello e Avigliano.
Il 3 giugno del 1979 a Cassino difese la porta dell’Avigliano davanti a 7000 tifosi per lo spareggio per andare in C2 tra Avigliano e L’Aquila.
Ettore durante la sua lunga carriera calcistica oltre a partecipare ai campionati ufficiali ha giocato tantissime partite con la rappresentativa lucana, tornei vari con squadre e calciatori importanti.
Lasciato il calcio agonistico ha difeso per tanti anni nel torneo amatoriale cittadino la porta dell’Enel l’azienda dove ha lavorato per oltre 35 anni.
Dopo la famiglia e il lavoro gli anni della sua adolescenza, il tempo e i suoi sogni l’ha dedicato completamente allo sport che ha sempre amato: il calcio, che ha praticato con applicazione, dedizione e disciplina restituedogli successo e gratificazione.
Chi l’ha conosciuto vuole ricordarlo come una persona semplice, rispettosa, discreta e dalla facile battuta.* fonte Giovanni Benedetto